titolo ritrovamenti

A volte le persone che trovano un animale non sanno esattamente quali siano i passi da fare.

Desideriamo fornire una serie di informazioni, che non hanno la pretesa di essere esaustive, ma che comunque possono essere di aiuto per le prime azioni da intraprendere:

  • La prima cosa da accertarsi é se il cane si trova in una situazione di pericolo, cioé se é ferito, o se vaga in mezzo ad una strada pericolosa visibilmente spaesato. Un cane smarrito ha un comportamento tipico e riconoscibile: è spaesato, si muove in modo confuso, non ha una direzione, spesso insegue i passanti.
     

  • Verificare inoltre che il cane non sia di qualche abitante residente in zona, che purtroppo lo lascia libero di circolare, o che sia un cane libero accudito comunale (CLA), o che sia magari semplicemente un cane di quartiere abitualmente seguito da cittadini della zona.

Questo per evitare di far accalappiare un cane che poi rimarrebbe per tutta la vita in un box di canile, e credeteci, capita purtroppo troppo spesso..

Le azioni da intraprendere a questo punto cambiano a seconda se si ha la possibilità di ospitare il cane e si vuole evitargli l’ingresso in canile, o se volete adottarlo, oppure se si vuole esclusivamente coinvolgere le autorità competenti per toglierlo dal pericolo.

Nel primo caso :

  • Avere a che fare con un cane spaventato e smarrito non è sempre facile; quindi agite con la massima prudenza.

    Come fare per conquistare la fiducia del cane? Per esempio, chiamandolo restando accucciati. Evitare, assolutamente, i movimenti bruschi e gli scatti. Spaventano l’animale. Bisogna muoversi lentamente. Se il cane è diffidente, dobbiamo essere disposti a perderci anche delle mezz’ore. Bisogna avere pazienza. Parlare col cane. Tranquillizzarlo. Tentare piano di avvicinarlo e accarezzarlo. E’ del tutto controproducente corrergli incontro. Naturalmente, fondamentale è toglierlo dalla situazione di rischio. È necessario attirarlo verso un’area sicura, come ad esempio in mezzo a un campo, ed allontanarlo dalla strada. L’ideale sarebbe di avere sempre in auto una scatoletta di cibo ed un guinzaglio. Offrire del cibo è spesso una mossa vincente.

  • Verificare, con l’aiuto di un veterinario, se l'animale è dotato di microchip o identificato con tatuaggio (fino a qualche anno fa in Italia non veniva ancora applicato il microchip).
    Se il cane ha il tatuaggio o il microchip per rintracciarne il proprietario ci si deve rivolgere al Servizio Veterinario della ASL competente, alla quale va comunicato in ogni caso il ritrovamento dell’animale, fornendo un’accurata descrizione dello stesso, lasciando le proprie generalità, e facendosi indicare qual’è il canile competente per territorio, così da informarli.In questo caso generalmente nel giro di uno o due giorni il vecchio proprietario verrà rintracciato, quindi vi basterà ospitarlo per questo breve arco di tempo e gli eviterete l'esperienza traumatica del canile.


  • Nel caso in cui sia sprovvisto di un tatuaggio o di un microchip che consentano di rintracciare il proprietario, solo dopo 60 giorni dalla comunicazione del ritrovamento, il cane potrà essere adottato in via definitiva. Questo perché, anche se non registrato, l'animale potrebbe avere un proprietario.

Avvertenza: questi ultimi due punti devono essere scrupolosamente e tempestivamente osservati nel caso in cui si decida di non fare accalappiare il cane, e di ospitarlo nell'attesa di rintracciare il legittimo proprietario o, solo in un secondo momento, di trovargli una eventuale nuova famiglia adottiva.

  • Avvertite le Associazioni per la difesa degli animali presenti nella zona e i rifugi,fornendo una dettagliata descrizione dell’animale e comunicando l’eventuale numero di microchip o tatuaggio. Questo perché spesso chi smarrisce un animale chiede aiuto alle associazioni di zona, e quindi potrebbero avere notizie di smarrimenti anche di animali non registrati.. Se l'animale non é registrato e trovate per lui una nuova famiglia, contattate un'associazione di zona che vi aiuterà a far sì che il cane non venga affidato senza alcuna verifica o garanzia dei giusti passi burocratici e legali da seguire (registrazione del chip, firma modulo adozione, ecc..)

  • Affiggete i volantini, meglio se con una foto del cane trovato, prima nella zona di ritrovamento e poi estendendo il raggio della ricerca: in particolare nei luoghi di maggior passaggio, presso supermercati, fermate di mezzi pubblici, negozi di articoli per animali e in aree verdi frequentate da proprietari di cani.

    Diffondete la segnalazione presso ambulatori veterinari presenti in zona.

    Portate la locandina dell'animale ritrovato anche ai comandi di Polizia Municipale dei comuni limitrofi.

  • Segnalate il ritrovamento, sempre preferibilmente corredato da una foto, ai siti che raccolgono appelli degli animali persi e trovati a livello locale, regionale e nazionale.

  • Preoccuparsi in ogni caso della sorte del cane, telefonando dopo qualche giorno al canile competente per avere sue notizie, se è stato riscattato o se si trova ancora lì. Nel caso in cui, dopo una settimana, il cane non sia stato ancora riscattato, ci si può attivare per aiutarlo a ritrovare il suo proprietario, seguendo le operazioni sotto indicate.
    In questo caso, una volta che si è sottratto l’animale dai rischi della strada, sarebbe opportuno impegnarsi personalmente per trovare qualcuno seriamente intenzionato alla sua adozione.

Nel secondo caso, cioé se non si ha la possibilità di aiutare personalmente l'animale, ma comunque si vuole far intervenire chi di competenza, seguite i seguenti passi:

  • Cercate di controllare gli spostamenti dell’animale e contattate il Comando di Polizia Municipale (o il Comando dei Carabinieri, qualora non fossero reperibili i vigili) del Comune in cui l’animale è stato trovato. In caso di ritrovamento animale in prossimità di binari ferroviari, contattare la POLFER (Polizia Ferroviaria); in caso di ritrovamento in autostrada o raccordo anulare contattare l'ANAS, su strade statali o provinciali contattare la POLSTRADA (Polizia Stradale).
    Chiamate i vigili urbani (o se non riuscite a contattarli i Carabienieri) che possiedono a loro volta i contatti delle ASL e del veterinario di competenza, che hanno la reperibilità notturna e festiva. Le Forze dell’Ordine contattate hanno l’obbligo di far intervenire chi di competenza. Il mancato intervento è denunciabile perché si tratta di un pubblico servizio. Se l'animale è ferito vi consigliamo di abbreviare i tempi chiamando anche voi la Asl.

    Per soccorsi in situazioni particolari (tetti, alberi, cunicoli) chiamare i Vigili del Fuoco al numero 115.

    Il cane accalappiato verrà portato al canile sanitario competente per territorio, dove è probabile che il legittimo proprietario si rechi a cercarlo, in caso di animale smarrito.Una volta chiesto di quale canile si tratta, siete pregati di contattare le associazioni di zona, che potrebbero aver ricevuto segnalazioni da eventuali padroni. Il proprietario potrebbe essere una persona anziana o comunque non informata dell’esistenza del canile di zona dove il suo cane si trova e quindi non andare a cercarlo.

  • Nel caso in cui non possiate ospitare l'animale e quindi avete deciso di rivolgervi esclusivamente alle autorità competenti, ma allo stesso tempo volete comunque aiutare il cane dopo la sua entrata in canile, vi consigliamo di seguire, coordinandovi con l'associazione di zona, i passi del capitolo precedente riguardanti l'affissione dei volonatini, ecc..

    Non pensate che un'associazione possa essere sempre in grado di fare tutto da sola...si tratta sempre di volontari, limitati nel numero e nelle risorse, che cercano di fare ciò che possono...


    Non stupitevi se nel segnalare il ritrovamento troverete un’infinità di ostacoli e non desistete. Esiste una legge e l’animale ha il diritto di essere portato nella struttura con il quale il comune è convenzionato. Ogni comune, per legge, deve essere convenzionato con un canile. E soprattutto non lasciate l’animale senza esservi assicurati che l’addetto al canile competente l’abbia preso in consegna. A volte purtroppo per "sbarazzarci" dell’animale che abbiamo trovato lo lasciamo in mano a persone che non sempre adempiono al loro dovere...